Giornata internazionale dei lavoratori domestici


Il 30 marzo, il giorno delle collaboratrici domestiche istituite nell'anno 1988 a Bogotà è celebrato nel mondo, creando la Confederazione latinoamericana e caraibica dei lavoratori domestici (CONLATRAHO). Almeno 52 milioni di persone nel mondo, per lo più donne lavorano in faccende domestiche. Di queste donne sono per lo più indigene o impoverite.



Questo lavoro è definito o consiste in lavori svolti in famiglia, compresi lavori domestici come pulizia e lavanderia, cucina, assistenza all'infanzia e altre cure personali. In Messico 95 su 100 lavoratori domestici sono donne e il 72% riceve un pagamento da 1 a 2 salari minimi mensili.



Si ritiene che questo lavoro sia riservato alle donne, ma anche gli uomini entrino nel mercato del lavoro. lavoro a casa, anche se nella sua casa non alza il piatto. i maschi che svolgono compiti domestici lo fanno nelle faccende domestiche e come autista nelle case private, concentrando rispettivamente il 49,3 e il 45,4% dei dipendenti.



La fascia di età in più della metà di queste persone è tra 30 e 49 anni. E oltre a questo è un lavoro in sé discriminato, incredibilmente all'interno di questo commercio c'è ancora più discriminazione perché, per genere, le donne ricevono in media salari più bassi, il 74,9 per cento fino a due salari minimi, rispetto al 41,4 per cento degli uomini in questo livello di salario.



trabajadoresdelohogar



La preparazione educativa di questo settore di lavoro che genera 3 mila 61 milioni di pesos all'anno, tuttavia, non ha assicurazione medica o benefici legali, Il 35,6 percento delle donne ha un titolo di studio che raggiunge il livello secondario, il 33,6 percento è completo e negli uomini, il 40 percento ha un diploma secondario, il 27,2 percento è completo.



Overwork e bassa retribuzione sono i problemi principali per i lavoratori domestici, seguiti da abusi, abusi, umiliazioni e discriminazioni. Se aggiungiamo che 9 su 10 non hanno un contratto di lavoro ma in cambio lavorano in media 31,5 ore settimanali, con tutta la ragione che meritano un giorno e il loro lavoro domestico è legiferato, per fornire loro un stipendio e ore decenti.



Esiste un accordo denominato 189 firmato da 13 paesi come: Uruguay, Filippine, Nicaragua, Bolivia, Germania, Svizzera, Messico, tra gli altri, che garantisce la protezione minima del lavoro che i lavoratori domestici devono avere, a parità di condizioni. condizioni con gli altri lavoratori e lascia un notevole margine di flessibilità per la sua applicazione.



info hombre y mujeres

Powered by Blogger.