Giornata mondiale contro il lavoro minorile


Il 12 giugno si celebra la Giornata mondiale contro il lavoro minorile dichiarata dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) nel 2002. mondo 168 milioni di bambini sono vittime del lavoro minorile per necessità o per ordine di terzi devono svolgere lavori che danneggiano la loro salute e la crescita in molti modi come scuola, famiglia, personale, ecc.



Quante volte ti è successo che stai camminando per la strada e ti ritrovi a vendere gomme da masticare, pulire occhiali o ballare clown in crociera? Allo stato attuale, lo sfruttamento minorile è un problema in tutto il mondo, il Messico non è lontano da esso.



3,6 milioni di bambini e adolescenti tra 5 e 17 stanno lavorando.



Lo sfruttamento minorile è direttamente collegato alla mancanza di reddito (aree rurali) dove il bisogno è maggiore.



Il 24% dei lavoratori tra i 5 e i 17 anni è concentrato in tre entità: Stato del Messico, Jalisco e Puebla. Il 52,8% è distribuito tra Michoacán, Veracruz, Guerrero, Chiapas e Guanajuato. Il 52,6% è distribuito tra Michoacán, Oaxaca, Stato del Messico, Guanajuato e Veracruz.



La maggior parte dei lavori che i bambini svolgono sono; catene di produzione come agricoltura, abbigliamento, edilizia. Metti in pericolo la tua salute fisica e mentale.



In America Latina ci sono 13 milioni di bambini che lavorano, con una giornata lavorativa di 14-36 ore settimanali - 2 milioni sono impiegati domestici, che lavorano in condizioni malsane circondate da pericoli.

Powered by Blogger.